La prima in Italia

Tutto era pronto da mesi. Una telefonata d’estate sulla costa marchigiana, una voce amica dall’altra parte del filo, pochi minuti che colmano vent’anni. Vera e Leo ricevono l’invito a presentarsi a Explora ancora prima di diventare libro.

In poche settimane tutto prende forma e la prima italiana di Vera e Leo si avvicina. Paola crea, Simone si adopera, Olivier e Stefano s’organizzano. Ma come in tutte le favole che si rispettino, c’e’ un contrattempo. E’ ancora notte quando, alla vigilia della presentazione, un’email arriva agli amici in Italia. “Non posso più partire” dice Stefano. Peccato, proprio l’autore non ci sarà. Ma la tristezza dura poco. Subito Paola riscalda l’ambiente e porta luce e sorrisi, dove c’era solo rabbia e rassegnazione. Vera e Leo arriveranno a Roma, poco importa se l’orco (in questa caso un virus) s’e’ messo di mezzo.

Formiche e ragni arrivano a Explora da sud e da nord. Francesca li accoglie con calore e simpatia. Qualche minuto per indossare i costumi preparati nei giorni precedenti, una ripetizione al volo e via, si parte. Visetti incuriositi s’avvicinano e si mimetizzano nella sala d’Explora che si trasforma in un bosco animato da zampette, ragnatele e antenne.

I tanti piccoli con i nasi all’insù mostrano che c’e’ ancora bisogno di fiabe e che possiamo viverle insieme, nonostante l’annosa questione del numero di zampe.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s